Residenza#2 – prova aperta

Sabato 15 febbraio ore 21.00

TELL TALE

uno studio sull’evoluzione

di e con Isadora Angelini e Luca Serrani
musiche e cura del suono Luca Fusconi
luci Antonio Rinaldi
una produzione Teatro Patalò con il sostegno di Regione Emilia-Romagna – L’arboreto – Teatro Dimora | La Corte Ospitale Centro di Residenza Emilia-Romagna, Teatro Petrella di Longiano

 

Quando l’Antropocene raggiungerà̀ la fine della corsa e non ci saranno più batterie da ricaricare, resteranno le storie a farci compagnia, e quando le parole non basteranno, avremo bisogno di danzare.

Uno scienziato alla vigilia di una conferenza pensata per dare speranza alle nuove generazioni.

Ossessionato dalla ricerca di una possibile soluzione al cambiamento climatico, prova il suo discorso davanti ad una platea immaginaria.

Dopo notti di studio incessante, la mancanza di sonno lo porta in uno stato di trance, nel quale sogni, ricordi e nozioni dialogano con lui fino ad abitare il suo corpo.

A partire da alcune suggestioni dal Sogno di una notte di mezza estate, il lavoro è una scrittura drammaturgia originale che procede fino a un finale creato con l’aiuto dei nostri figli. TELL TALE intende indagare la responsabilità dell’artist nello stare sul crinale tra disincanto e canto, tra la capacità di guardare in faccia il disastro che ci circonda e la volontà̀ di contrastarlo con i propri mezzi.

I comportamenti corretti che ci sforziamo di seguire individualmente non bastano; avremmo bisogno “di una fantasia esatta e vera che accompagni i gesti, capace di farsi carne e aria e di permeare la nostra forma di vita collettiva.” (Amitav Gosh)

Residenza creativa per la ricerca e la composizione del nuovo spettacolo di Teatro Patalò, Tell Tale 2-10 dicembre 2019/3-15 febbraio; 6-8 aprile 2020

 

Dal 2 al 10 dicembre incontri e laboratori con gli studenti dell’Istituto Comprensivo di Longiano e con le Scuole Pascucci di Santarcangelo

In una piccola città al mattino, dentro edifici diversi, molte persone sono al lavoro. I bambini e le bambine si trovano dentro l’edificio scuola e forse non sanno che il teatro della loro città non è aperto solo quando ci sono rappresentazioni, ma è abitato anche durante il giorno, dagli artisti che lavorano alla costruzione delle loro opere.

Apriamo le porte agli scolari per fare incontrare due mondi operosi, invitandoli a condividere una parte del nostro lavoro di creazione, anche se lo spettacolo che stiamo preparando non sarà rivolto all’infanzia, teniamo molto alla possibilità che essi siano il nostro primo pubblico.

Sarà per noi di fondamentale importanza raccogliere le loro visioni e impressioni e coinvolgerli nella creazione di una scena. Per poter immaginare quello che non conosciamo, abbiamo infatti bisogno di rivolgerci all’infanzia, ancora capace di cogliere lo spirito magico del mistero della vita.

DENTRO OGNI RAGIONEVOLE DUBBIO

Percorsi di residenza e creazione per i teatri della contemporaneità
progetto condiviso da
L’arboreto – Teatro Dimora di Mondaino e Teatro Petrella di Longiano

 

Parallelamente alla collaborazione, nata nel 2016, con il progetto di sostegno alla danza contemporanea, accoglienza e residenza per creazioni coreografiche, dal titolo Vorrei fare con te quello che la primavera fa con i ciliegi, da quest’anno L’arboreto – Teatro Dimora di Mondaino e il Teatro Petrella di Longiano scelgono di sviluppare una nuova collaborazione dedicata ai teatri della contemporaneità.

Un nuovo progetto artistico e organizzativo condiviso da due strutture che da anni svolgono un’intensa attività di progettazione per comprendere le culture dei teatri, con una particolare attenzione ai processi creativi, cura degli spazi, relazioni con le comunità di riferimento.

Dentro ogni ragionevole dubbio sarà soprattutto un principio attivo di avvicinamento per riflettere sulle connessioni delle arti sceniche, nei respiri e nelle pause che conducono dentro i processi creativi e di composizione degli artisti, le rappresentazioni degli spettacoli e i dialoghi con gli spettatori.

 progetto realizzato in collaborazione con