Domenica 10 ottobre ore 16:30

ZONA FRANCA

di e con Federica Mafucci

regia di Andrè Casaca

produzione Teatro C’art Comic Education

spettacolo adatto dai 6 anni in su

 

ZONA FRANCA è il territorio dove vivere la propria follia come atto di libertà.

Un luogo dove venire trasportati all’interno di un mondo libero e fantasioso, ma con la profondità di una vita difficile e incerta, di Franca, la protagonista dello spettacolo.

Franca, convinta di dover fronteggiare un’emergenza in scala globale, farà tutto ciò che le è possibile per mettere tutti in salvo, attraverso un dialogo diretto con il pubblico, raccontando “storie di ordinaria follia” giocando con il divertimento e il dramma del vivere quotidiano.

La crisi dichiarata da Franca altro non è che una crisi umana, che affonda le sue origini nell’egoismo, nella paura e nell’allontanamento di tutto ciò che è diverso ma grazie al suo sguardo autentico e profondo, attraverso gags e racconti esilaranti, esprimendosi con il lirismo magico della semplicità, Franca ci terrà alto l’animo e ci farà riflettere sul ruolo che hanno l’amore e le persone nella nostra vita.

Zona Franca denuncia un modo di vivere che ha perso di vista la semplicità della dimensione umana sottolineando la povertà di senso di certi comportamenti ritenuti “normali” per afferrare, invece, la ricchezza di “certe stranezze” in modo da portare il pubblico dentro un vortice di sensazioni familiari da condividere ed esorcizzare attraverso la comicità.

Liberamente ispirata a una donna realmente esistita Franca rappresenta la maschera clownesca triste, malinconica e buffa, animalesca e dionisiaca della vita.

 

FEDERICA MAFUCCI
Federica Mafucci nasce ad Arezzo nel 1986. Inizia la sua formazione teatrale nel 2010. Consegue il diploma in arte del teatro fisico all’Atelier teatro fisico di Philip Radice dove trova la possibilità di sperimentare e mettere in pratica numerose tecniche artistiche ed espressive. Emerge sempre più il lato comico e clownesco della sua personalità, messo a totale disposizione dei personaggi da lei creati. Federica nutre un forte interesse per la danza, per la musica e il canto, che le permette di sperimentare durante le sue performances modi espressivi eterogenei, in cui viene sempre sottolineata l’importanza della comicità e della fisicità nella definizione della scena e dei personaggi.